Il Gruppo Arcieri, Balestrieri Storici e Corte Roveresca indossa fastosi costumi del Rinascimento Italiano, è composto di Arcieri, Balestrieri, Spadaccini, Armati, Vessilliferi, Cortigiani, Ancelle, Tamburini, Trombettieri ed altri Figuranti. Il gruppo storico è il cuore principale e colonna portante della Rievocazione Storica Caccia al Cinghiale.

Rappresenta un momento di storia e di teatro, frammenti della Rievocazione Storica Caccia al Cinghiale che ogni anno si ripete a Mondavio dal 12 al 15 Agosto. Gli Arcieri ed i Balestrieri ricordano la Brigata Feltria, compagnia militare al servizio dei condottieri Federico da Montefeltro e Giovanni della Rovere. Il Gruppo Arcieri si esibisce all’interno di manifestazioni in Italia ed all’Estero.

Lo spettacolo che propone comprende il corteggio dei figuranti con animazione di tamburi, trombe, vessilli, bombarde e l’esibizione in Piazze, Corti, Giardini e altri spazi con:

  • Saluto alla città ospitante e breve presentazione
  • Dimostrazione di tiri con l’arco storico di precisione e a comando
  • Tiro di precisione con la balestra manesca
  • Dimostrazione di vessilli di guerra: segnali in un combattimento
  • Simulazione di duelli con spade e bastoni
  • Il gioco fra i cortigiani: i nastri e la grande medusa
  • Inno di saluto del Gruppo con coreografie di giochi pirotecnici

I Componenti

L’uso del tiro con l’arco risale all’epoca preistorica. E’ la piu’ antica arma da lontano e trova uso corrente nel medioevo. Gli arcieri propongono una gara di abilita’ ad eliminazione.

La balestra e’ un perfezionamento dell’arco tradizionale con l’introduzione di un sistema meccanico che consente di tendere, con uno sforzo limitato, un arco molto robusto. Le balestre antiche possono essere portatili o da posizione e scagliano dardi in un bersaglio detto ‘corniolo’. E’ molto usata sia nel medioevo che nel rinascimento. I balestrieri eseguono una prova di precisione.

La Corte e le Ancelle propongono animazioni e giochi che si svolgevano di solito nelle Corti Rinascimentali. Il gioco dei nastri crea figure che simboleggiano il mare, le onde, la stella, la medusa, la conchiglia, la rete. Il fuoco e il fumo creano l’ambientazione.

Il drappo dei vessilliferi ha un preciso significato sia nei colori che nei simboli, e’ usato quale segno di riconoscimento araldico per orientamento e guida in battaglia. I vessilliferi eseguono dei movimenti che riproducono i segnali in un combattimento.

I musici eseguono brani e squilli, rielaborazioni di componimenti rinascimentali. Il tamburo e la tromba sono state un tempo guida nella guerra come lo sono oggi nello spettacolo.

Testi e foto:  www.mondavioproloco.it